CAI Codroipo

Questo sito web utilizza i cookie

Sul sito ci sono cookies tecnici e di terze parti profilanti per i quali abbiamo bisogno di un tuo consenso all'installazione. Leggi al nostra Cookie policy

Monti Zoncolan, Tamai e Dauda
Data inizio escursione: 26 Luglio 2020
Data fine escursione:
Difficoltà: E escursionistico
Dislivello: 800m D+ 14-15Km circa
Ecuipaggiamento: Normale da montagna, adatto alla stagione, mascherina e soluzione igienizzante mani
Carta: Carta Tabacco, foglio 09, scala 1:25.000– Alpi Carniche, Carnia centrale
Trasporto: Mezzi propri ( nel rispetto delle norme regionali )
Responsabili: Chiara Petracco


L’escursione di oggi ci porterà in vetta ai monti Zoncolan, Tamai e Dauda, 3 facili cime, tutte molto panoramiche attorno al comprensorio sciistico dello Zoncolan che in estate è ricoperto da verdi praterie.
In auto saliremo al comprensorio dello Zoncolan dal versante di Sutrio fino ai pressi della Baita Goles, dove lasceremo le auto (quota 1600 m circa).
La nostra escursione inizia subito dirigendosi verso la vetta del Monte Zoncolan, dapprima per qualche minuto nella strada di asfalto e poi prendendo a destra la traccia che ci porta verso il Rifugio Zoncolan
(Cubo) che tralasceremo per raggiungere la vetta del Monte Zoncolan (1750 m), prima di arrivare in cima ci cade l’occhio su Ravascletto che sembra proprio sotto di noi… Dopo la conquista della prima cima
(circa 150m di dislivello dalla partenza), scendiamo in un attimo alla Sella Zoncolan dove arriva la strada che sale da Ovaro (famosa per il giro d’Italia), e qui troveremo il monumento del ciclista.
Dalla sella prendiamo il sentiero 170, dapprima in modo dolce e poi con un bello strappo ci fa guadagnare subito quota per raggiungere dapprima le pendici erbose e poi la cima del Monte Tamai (1970m).
Dalla cima del Monte Tamai (il più alto del comprensorio) possiamo ammirare imponente di fronte a noi (a sud) il monte Arvenis e tutt’attorno le maggiori cime delle Alpi Carniche.
Dopo qualche minuto di riposo, riprenderemo il sentiero 170 per poi scendere a forcella Arvenis (1847m) e da qui seguiremo il sentiero 157 fino alla malga Agareit di sopra; poi continueremo per bella e ampia strada sterrata raggiungendo dapprima Malga Meleit e poi Forcella Meleit.
Dalla forcella seguiremo il sentiero a destra che ci porta verso la cima del Monte Dauda (1765 m), la vera meta della nostra escursione. Qui troveremo una bella croce di vetta, libro e spazio per poter fare una sosta ristoratrice e recuperare le forze.
Per scendere riprenderemo il sentiero dell’andata fino a forcella Meleit e percorreremo a ritroso parte della strada fatta all’andata ripassando a fianco di Malga Meleit, poi tralasceremo sulla nostra sinistra malga Agareit di sopra e continueremo per la strada, dapprima in leggera salita e poi in discesa fino a Malga Tamai (1594m).
Aggirata la malga prendiamo la traccia nera che ci porta in breve nelle sottostanti piste da sci e con gli ultimi 50 metri di dislivello arriviamo a Baita Goles dove abbiamo lasciato le auto, compiendo così un bello e soddisfacente giro ad anello.




NEWSLETTER
CAI Codroipo ti invierà informazioni, il programma delle escursioni e gli appuntamenti nel territorio.

Ho letto l'informativa sul trattamento dati ed acconsento la ricezione delle Newsletter
Segui CAI Codroipo